The place where the Customer counts

Free thoughts on CRM, Business and the next big thing

The place where the Customer counts - Free thoughts on CRM, Business and the next big thing

E se Facebook si mangiasse eBay?

Ieri ho letto un articolo di Enrico Giubertoni sul suo blog personale, in cui viene descritta una nuova application molto interessante che permette di integrare funzionalità e-commerce all’interno dei social network (in particolare il video dimostrativo, che integro anche io di seguito, mostra una demo gestita all’interno di Facebook), permettendo una social shopping experience che, a mio modesto parere, segna l’inizio per una nuova “devastante” opportunità per i colossi del web 2.0.

Mi è subito venuto da pensare, infatti, che se questo tipo di applicazioni prenderanno sempre più piede all’interno di Facebook, quanto dovremmo aspettare per vedere quest’ultimo annunciare l’acquisizione di aziende che forniscono soluzioni integrabili che permettono di gestire processi end-to-end di auction stile eBay (non parlo quindi di FB widget come Garage Sale che rimane comunque di proprietà di Buy.com)?

Vi immaginate cosa vorrebbe dire per Zuckerberg & Co. offrire queste funzionalità proprietarie su Facebook?

Proviamoci:

  1. a Facebook arriverebbero milioni di dollari dalle fees sulle transazioni tra privati e altri attori coinvolti nel processo di pagamento,
  2. Facebook potrebbe archiviare ulteriori informazioni sui suoi iscritti e sui loro comportamenti e preferenze rendendo il suo database profilato sempre più ricco e appetibile per tutte le aziende che devono fare ricerche di mercato (e a questo punto ripartirebbe la necessità di applicazioni di sondaggi strutturate e … a pagamento),
  3. agli utenti verrebbe comunque regalata una social experience sempre più completa e condivisibile. Nello specifico il processo di acquisto nelle sue varie fasi subirebbe una profonda trasformazione derivante non solo dall’utilizzo dei feedback stile eBay ma da tutte le componenti partecipative come i “Mi Piace” e le condivisioni con commenti tra reti sociali e chissà cos’altro ancora, rendendo il tutto molto più coinvolgente.

Cosa ne pensate?